Anti Fouling System - NOINAVI

NOINAVI
Logo compassosquadra
Vai ai contenuti

Anti Fouling System

INTERNATIONAL CONVENTION ON THE CONTROL OF HARMFUL ANTI-FOULING SYSTEMS ON SHIPS, 2001
“Anti-fouling System” è il Sistema antivegetativo che identifica un rivestimento, una pitturazione o un trattamento superficiale applicato sulla nave per controllare o prevenire l'adesione di organismi indesiderati
Inquinamento dell’ambiente marino derivato dall’utilizzo di pitture antivegetative a protezione delle carene delle navi
Flora e molti organismi della fauna marina aderire alle superfici subacquee. Quando trovano una supporto adeguato, vi aderiscono e si riproducono prosperando in colonie.
Balani, mitili, corallino ed alghe, che popolano scogli e fondali marini, quando aderiscono alla carena di una nave, ne aumentano la “rugosità” e quindi la resistenza al moto.
Conseguenza: minore velocità e maggiori consumi di combustibile.
Da sempre si è cercto di proteggere le carene dall’attacco degli indesiderati ospiti investendo molte risorse economiche con trattamenti antivegetativi. Si sono ottenuti ottimi risultati, ottenendo carene pukite per lungo tempo e lisce come  vetro.
OSTRICHE
Le ostriche sono un bivalve marino commestibile molto apprezzato. Prodotti in larga misura in Francia.
Sistema antivegetativo
Purtroppo l’applicazione di questi prodotti ha causato un danno collaterale inaspettato.
All’inizio degli anni ‘80, in Francia, nelle zone delle colture delle ostriche si è rilevata una cospicua continua riduzione del numero dei bivalvi coltivati. Si capì che le navi di passaggio nelle rade di coltivazione delle ostriche rilasciavano nell’ambienti veleni che ne inibivano la crescita e lo sviluppo, nonché mutazioni genetiche nei gasteropodi.
Le tradizionali pitture a base di ossiduli di rame, furono superate da quelle nuove a base di TBT. Tali componenti sono ottimi biocidi, per contro molto dannose per l’ambiente circostante.
Le pitture a base di organnostannici come TriBuTilstagno (TBT [(C4H9)3Sn+] presentano un notevole rilascio ambientale appena applicate (6mg di Sn per Cm2 ), per poi rilasciare, a regime, 1,5mg di Sn per Cm2.
Nel 2001 l’IMO adottò l’ “International Convention on the Control of Harmful Anti-Fouling Systems on Ships” (AFS Convention), che prevede il divieto globale dell’applicazione di pitture a base di TBT sulle carene a decorrere dal 1° gennaio 2003 e ne ha escluso la presenza in carena a partire dal 1° gennaio 2008.
La ragione di questi due step, sta nel fatto che alcune carenature effettuate con le pitture TBT sono rimaste pulite sino a sette anni. Non si è potuto fermare immediatamente la flotta mondiale,ma si è dato un tempo più che adeguato affinché sia i produttori delle pitture che gli armatori potessero provvedere a rimuovere o ricoprire le pitture nocive con altre di nuova generazione approvate dall’autorità.
Il Regolamento (CE) n. 782/2003 fa propria la Convenzione. Esso è relativo al divieto TOTALE dell’applicazione dei composti organostannici sulle carene delle navi, dal 1° Luglio 2003.
TOTALE significa divieto per le navi degli Stati membri e per TUTTE le navi in entrata nei porti, terminali od acque degli Stati membri.
In alternativa, le navi devono essere provviste di un rivestimento che formi una barriera esterna e ne impedisca il rilascio da parte del sistema antivegetativo sottostante.
 
Balani
Crostacei che si fissano su superfici sommerse, quali scogli mitili,ed anche su superfici metalliche olegnose
Balani su carena
Colonia di piccoli balani su carena ptetta con pitture agli ossiduli di rame
Corallino
Minuscoli polipi con scheletro tubiforme carbonatico
Patella
Mollusco monovalve che aderisce fortemente ad una superficie sommersa
Mitili
Mitili, muscoli (Mussles), cozze , peoci, sono molluschi bivalve che si agganciano a superfici sommerse tramite legamenti fibrosi
Nave in bacino di carenaggio durante le applicazione di pitture approvate in conformità alla convenzione AFS
Sistema antivegetativo
Articoli della    convenzione
ART. 1 General Obligations
ART. 2 Definitions
ART. 3 Application
ART. 4 Controls on Anti-Fouling Systems
ART. 5 Controls of Annex 1 Waste Materials
ART. 6 Process for Proposing Amendments to Controls on Anti-Fouling Systems
ART. 7 Technical Groups
ART. 8 Scientific and Technical Research and Monitoring
ART. 9 Communication and Exchange of Information
ART. 10 Survey and Certification
ART. 11 Inspections of Ships and Detection of Violations
ART. 12 Violations
ART. 13 Undue Delay or Detention of Ships
ART. 14 Dispute Settlement
ART. 15 Relationship to International Law of the Sea
ART. 16 Amendments
ART. 17 Signature, Ratification, Acceptance, Approvai and Accession
ART. 18 Entry into force
ART. 19 Denunciation
ART. 20 Depositary
ART. 21 Languages
ANNEX 1 CONTROLS ON ANTI-FOULING SYSTEMS
ANNEX 2 REQUIRED ELEMENTS FOR AN INITIAL PROPOSAL
ANNEX 3 REQUIRED ELEMENTS OF A COMPREHENSIVE PROPOSAL
ANNEX 4 SURVEYS AND CERTIFICATA REQUIREMENTS FOR ANTI-FOULING SYSTEMS APPENDIX 1 TO ANNEX 4
APPENDIX 2 TO ANNEX 4
Estratto di alcuni articoli gestionali
La convenzione si applica alle navi battenti la bandiera degli Stati firmatari e alle altre navi in approdo ad un porto o ad un terminale off-shore di uno Stato membro.
Adeguamenti sui sistemi antivegetativi
Gli Stati impediranno o limiteranno l'applicazione o l'uso di sistemi antivegetativi dannosi per l’ambiente e provvederanno ad assicurare che la navi siano conformi ai requisiti ambientali.
Le navi con un sistema antivegetativo controllato ma non conforme potranno mantenere il sistema fino alla prima carenatura e in nessun caso per un periodo superiore a 60 mesi dall’applicazione.
I materiali di risulta o residui rimossi dalle carene, dovranno essere raccolti, manipolati, trattati e smaltiti in sicurezza per la salute umana e l'ambiente.
Ispezioni e certificazione
L’Autorità di bandiera sorveglierà e certificherà che le navi siano conformi a questa convenzione.
Ispezioni delle navi e rilevamento delle violazioni:
Le navi cui si applica la convenzione potranno essere ispezionate, da parte di ufficiali autorizzati per determinare se siano conformi alla Convenzione stessa.
A meno che non vi siano chiari motivi per ritenere che una nave stia violando la Convenzione, qualsiasi ispezione di questo tipo sarà limitata a verificare che a bordo vi sia il certificato internazionale AFS valido o una dichiarazione sul sistema antivegetativo e  o prelevare un piccolo campione del sistema antivegetativo.
Il tempo impiegato per l’analisi del campione non deve ritardare l’attività commerciale della nave.
Ove vi siano fondati motivi per ritenere che la nave stia violando la Convenzione, si potrà effettuare un'ispezione approfondita.
Se si scopre che la nave viola la Convenzione, l’Autorità potrà prendere provvedimenti per detenere, mandar via o escludere la nave dai suoi porti.
Ritardo indebito o blocco delle navi:
Al fine di evitare indebiti ritardi alle operazioni commerciali delle navi, si dovranno effettuare tutte le azioni possibili a tal fine. Ove una nave sia stata indebitamente trattenuta o ritardata avrà diritto al risarcimento per qualsiasi perdita o danno subito.
Anti-fouling system
ObiettiviApplicazioneDecorrenza
Sistemi organostannici agenti come biocidi negli anti-fouling systems
Le navi non applicano o non applicheranno questi componentiTutte le navi1 gennaio 2003
Sistemi organostannici agenti come biocidi negli anti-fouling systems
Le navi,
_ non devono avere sulle loro carene o sulle superfici esposte tali composti o
_ devono avereun rivestimento che costituisca barriera al rilascio di tali composti dai sistemi antivegetativi sottostanti non conformi
Tutte le navi, fatta eccezione per le piattaforme fisse e galleggianti, FSU e FPSO costruite prima del 1 ° gennaio 2003 e che non sono state più in bacino di carenaggio il o dopo il 1° gennaio 2003
1 gennaio 2008
Certificato Antifouling System
Dichiarazione dell'anti.fouling system
Torna ai contenuti